tillage1.jpgtillage10.JPGtillage11.JPGtillage12.JPGtillage13.JPGtillage14.JPGtillage15.JPGtillage16.JPGtillage17.JPGtillage18.JPGtillage19.JPGtillage2.JPGtillage21.JPGtillage22.JPGtillage23.JPGtillage24.JPGtillage25.JPGtillage26.JPGtillage27.JPGtillage28.JPGtillage29.JPGtillage3.jpgtillage30.JPGtillage31.JPGtillage32.JPGtillage33.JPGtillage34.jpgtillage35.JPGtillage36.jpgtillage37.jpgtillage38.jpgtillage39.JPGtillage4.JPGtillage40.JPGtillage41.JPGtillage42.JPGtillage43.jpgtillage44.jpgtillage45.JPGtillage46.JPGtillage47.JPGtillage48.JPGtillage49.JPGtillage5.JPGtillage50.JPGtillage51.JPGtillage6.JPGtillage7.JPGtillage8.JPGtillage9.JPG

AS.SO.FA NEWS

Mercoledì 8 Novembre 2017

messa castagnata

Messa settimanale

in san Raimondo

 

   

Domenica 12 novembre 

“Vegliate, dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora” 

Mt 25,1-13

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: “Il regno dei cieli è simile a dieci vergini che, prese le loro lampade, uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le lampade, ma non presero con sé olio; le sagge invece, insieme alle lampade, presero anche dell’olio in piccoli vasi. 
Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e dormirono. A mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo, andategli incontro! Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. E le stolte dissero alle sagge: Dateci del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono. Ma le sagge risposero: No, che non abbia a mancare per noi e per voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene. 
Ora, mentre quelle andavano per comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. 
Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: Signore, signore, aprici! Ma egli rispose: In verità vi dico: non vi conosco. 
Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora”. 
Parola del Signore

 

MANUELA 
SIGNORE, IO SEMPRE MI SENTO VICINA A TE, TENGO ACCESA LA LUCE DELLA FEDE CHE MI ILLUMINA IL CAMMINO VERSO TE PREGO PERO' PER CHI NON HA LA SAGGEZZA DI ADORARTI PERCHE' POSSA COSI' RICORDARSI DI TE GUARDANDO LA MIA FEDE LUMINOSA 
 

DANIELE 
SIGNORE, IO NON SO QUANDO VERRAI A PORTARMI CON TE, SO SOLO CHE VOGLIO ESSERE PRONTO PER INCONTRARTI PREPARANDOMI ALLA TUA VENUTA OGNI GIORNO DELLA MIA VITA.

LA MIA LAMPADAE' ACCESA DALL'AMORE DEGLI AMICI CHE TENGONO VIVO ANCHE ME COME TUO FIGLIO, DEGNO DELLA SPERANZA CHE CI HAI DONATO CON LA TUA VITA. 
TI PREGO DI MANTENERMI VIGILE, CON LA FIAMMA DELLA FEDE.

MATTIA

DIO MI HA FATTO IL DONO DELLA VITA, MI HA REGALATO TANTI DONI POTENZIALI DA USARE PER ME E PER GLI ALTRI.SE FARO’ FRUTTARE TUTTI I DONI SONO SICURO CHE ARRIVERO’ IN PARADISO E INCONTERO’ LA SANTISSIMA TRINITA’, TANTI ANGELI E TANTI AMICI CHE SONO ARRIVATI IN CIELO PRIMA DI ME

IO SO CHE DO MI HA FATTO SPERIMENTARE TUTTE LE GIOIE TERRESTRI MA NON SO’ QUAND MI TOGLIERA’ IL FILO DELLA MIA VITA     E QUINDI DEVO VOLER BENE A GESU’.SO CHE E  DIFFICILE  MOLLARE LE MIE SOFFERENZE NEGATIVE MA SE AVRO’ FEDE IN  TE,GESU’, CAMBIERO’ E QUANDO TU DECIDERAI  DIVENTERO’  UN ANGELO E VIVRO’ NELLA GIOIA INFINITA.

IO TI RICEVO OGNI MERCOLEDI’ PERCHE’ NON DIMENTICHI CHE TU MI AMI E MI VUOI CON TE NELLA GIOIA ETERNA.

RINSALDA La miA FEDE O SIGNORE

RAFFAELE 

IO SO CHE NON SONO PADRONE DELLA MIA VITA

DIO ME L’HA DATA MA POI ME LA TOGLIERA’. QUINDI HO IL COMPITO DI NON COMBINARE GUAI SULLA TERRA E DEVO PREOCCUPARMI DI VOLER BENE A TE CHE SEI SEMPRE PRESENTE IN TUTTI NOI ANCHE IN QUELLI CHE UCCIDONO GLI ALTRI.

AVOLTE LA VITA MI SFUGGE DI MANO PERCHE’ DI MENTICO QUELLO Che gesu’DICE;TU NON CONOSCI NE’ IL GIORNO NE’ L’ORA MA DOVRAI RAGGIUNGERMI.

IL MIO PIU’ GRANDE DESIDERIO E’ QUELLO DI ASPETTARE LA MIA FINE TERRESTRE PERCHE’ GESU’ HA SOFFERTO PER NOI E SONO SICURO CHE MI ASPETTERA’ IN PARADISO OVE SI VIVE LA GIOIA ETERNA. AIUTAMI GESU’ AD ESSERTI FEDELE.